bar_business

DI COSA PARLI IN UN BAR SE NON SAI COS’È UN CALCIO D’ANGOLO O UN CALCIO DI RIGORE?

E SE VUOI PARLARE DI PROFITTO DEVI CONOSCERE LE PAROLE DEL BUSINESS

Ti sei mai chiesto come sarebbe una chiacchierata al bar se non conoscessi le parole chiave per parlare di calcio? Se tu non sapessi cosa significa calcio d’angolo, se tu non sapessi cosa significa calcio di rigore, se tu non sapessi cosa significa goal, saresti immediatamente escluso dalla conversazione.

Saresti tagliato fuori e rimarresti solo in un angolo, perché se non conosci le parole chiave non puoi capire cosa sta succedendo e di conseguenza il tuo punto di vista non interessa a nessuno.

Bene, è esattamente la stessa cosa che succede a chi apre un’attività imprenditoriale senza conoscere le parole chiave che raccontano come si fa profitto. E aprire un’attività imprenditoriale ha come unico scopo quello di fare profitto, altrimenti non va aperta.

Se vuoi aprire un locale per fare profitto, allora stai aprendo un’attività imprenditoriale e allora DEVI conoscere le parole chiave dell’imprenditore.

Per questo ho deciso di darti una piccola lista con almeno le parole fondamentali che devi iniziare a usare quando entri nel mondo imprenditoriale.

Prima di lasciarti questa piccola lista base, voglio ricordati che il corso BAR Theory ha lo scopo di formarti in tutti gli aspetti necessari per portare un locale in profitto e che, grazie all’acquisto del corso, avrai una consulenza di 1 anno che ti permetterà di essere seguito durante l’avviamento della tua attività: potrai farmi tutte le domande che vuoi sul tuo caso specifico e io ti aiuterò a sistemare tutto nel modo corretto.

Perché ho realizzato un corso online se poi hai la possibilità di 1 anno di consulenza? Perché voglio aiutarti a realizzare il tuo progetto seguendoti passo passo e per farlo è fondamentale che tu conosca realmente come funziona un’impresa e come si fa a portare il tuo locale in profitto. Se non hai idea di cosa devi fare non puoi avvantaggiarti della mia consulenza perché non sai neanche da dove partire e quali sono i punti critici che devi affrontare.

Se ancora non hai acquistato il corso BAR Theory puoi farlo semplicemente cliccando qui à

http://www.bartheory.it/sistema-scientifico-bar-theory/

Ora ti lascio alla piccola lista di parole fondamentali che devi inserire nel tuo vocabolario se vuoi entrare nel mondo degli imprenditori e non finire nell’angolino preso in giro da tutti.

Brand

Marca. Il nome, anche caratterizzato o costituito da un disegno o segno grafico, che individua un prodotto, una linea di prodotti o un’azienda. Serve a differenziare il prodotto o l’azienda, sintetizzandone l’immagine e le valenze di fatto e psicologiche

Branding

Insieme delle strategie commerciali e promozionali volte a differenziare un prodotto utilizzando nomi, colori o simboli distintivi. Il branding è un processo che comprende aspetti formali e sostanziali.

Call to action

Call to action, letteralmente “invito a compiere un’azione”. Con questa formula si intendono gli elementi che vengono studiati per indurre il target a compiere una determinata azione come l’iscrizione ad una newsletter, la compilazione di un modulo informazioni o anche l’acquisto di un prodotto in vendita.

Campagna

Azione di marketing della quale si è definita la durata, l’obiettivo, la proposta commerciale, la comunicazione, i destinatari.

Cannibalizzazione

Situazione che si viene a creare quando un nuovo prodotto ruba quote di mercato a un altro o altri prodotti che fanno parte della linea di produzione della stessa azienda.

Conversion

Ottenere un’azione specifica, come un’acquisto o una sottoscrizione, da un nominativo di una mailing list come risultato di un’azione precedente.

Conversion rate

Tasso di conversione. Percentuale di clienti potenziali che, grazie alle sollecitazioni del direct mail, diventano clienti.

Copy

L’insieme delle parole contenute nel testo di un mailing o di un messaggio pubblicitario.

Copywriter

Chi ha il compito di scrivere i testi dei messaggi promozionali. Svolge la sua attività creativa in stretto collegamento con l’art director.

Costo contatto

Costo necessario per raggiungere un singolo consumatore potenziale con un messaggio pubblicitario diffuso attraverso un determinato mezzo di comunicazione. Si ottiene dividendo il costo del mezzo per il numero degli individui che costituisce l’audience.

CRM (Customer Relationship Management)

Il Crm, gestione delle relazioni con il cliente, ricopre l’insieme delle funzioni dell’impresa che mirano a conquistare e a conservare la propria clientela. Questo termine, che si è sostituito a quello del front office, raggruppa la gestione delle operazioni di marketing, aiuto alla vendita, servizio clienti, call center ed help desk. L’insieme delle tecnologie informatiche Crm è quello utilizzato per sviluppare, seguire e consolidare i rapporti con clienti nuovi e fidelizzati. Gli stessi strumenti possono servire per gestire le relazioni nel mondo reale o negli affari su Internet.

Cross selling

Vendita a un cliente acquisito di un ulteriore prodotto o servizio della stessa gamma. Questa strategia implica l’idividuazione di beni/servizi complementari o abbinabili a quello inizialmente richiesto dall’acquirente.

Customer satisfaction

Soddisfazione del cliente. Rappresenta l’obiettivo principale dell’azienda orientata al marketing, i cui sforzi tendono allo sviluppo di una relazione di qualità con la clientela e alla sua conseguente fidelizzazione.

Direct marketing

Tecnica di marketing attraverso la quale l’impresa comunica direttamente a singoli utenti specifici (cliente o potenziali clienti finali). Si rivolge a un pubblico mirato per ottenere risposte misurabili, attraverso strumenti interattivi. La più classica di queste azioni, è quella che prevede l’invio di materiale pubblicitario via posta

Fee

Compenso forfettario dato dall’utente all’agenzia o al consulente pubblicitario. È in alternativa alla commissione d’agenzia, che invece viene calcolata in termini percentuali sullo stanziamento promo-pubblicitario.

Feedback

L’informazione di ritorno dopo una determinata azione di marketing (pubblicitaria, promozionale, di ricerca).

Impression

L’impression è l’avvenuta visualizzazione di un banner da parte dell’utente.

Indagini qualitative

Studiano il comportamento individuale del consumatore cercando di scoprire quali forze spingono l’individuo a sviluppare un determinato atteggiamento verso l’azienda, il prodotto, la comunicazione pubblicitaria e così via.

Indagini quantitative

Forniscono la dimensione di un fenomeno. A differenza delle indagini qualitative che cercano di spiegare il perché‚ di determinati comportamenti, le quantitative indicano quante persone adottano un certo comportamento.

Keyword

Parola o frase usata per indirizzare la ricerca on line.

Landing Page

Significa letteralmente “pagina di atterraggio”. Solitamente si tratta di una pagina web appositamente realizzata per catturare i dati di un visitatore attraverso un apposito modulo (form). Essenzialmente, è la pagina a cui i visitatori vengono inviati dopo aver cliccato su una call-to-action presente su un sito, blog o altro annuncio online.

Lead

Interesse dimostrato da un cliente in seguito ad una particolare iniziativa promozionale, che si può poi materializzare nell’avvio di una trattativa commerciale.

Lead Generation

Generazione di potenziali clienti. Di solito nel web si genera traffico verso una particolare pagina (detta landing page) attraverso cui l’utente può compilare una form per ricevere informazioni e/o venire contattato.

Lifetime value

Il profitto totale o la perdita stimata o realizzata da un cliente con una stessa azienda lungo tutta la vita attiva.

Mailing list

Lista di nominativi, generalmente creata e usata per invii di e-mail. Il termine indica anche la comunità di individui che, uniti da un interesse comune, discute via posta elettronica attraverso messaggi inviati a tutti gli iscritti alla mailing list.

Mark-up

Margine che viene sommato ai costi di produzione per determinare un prezzo di vendita che consenta la realizzazione di un profitto. Viene espresso come percentuale sul costo.

Mercato di nicchia

Segmento di mercato con ambiti e confini specifici: in termini quantitativi – qualora i bisogni soddisfatti siano propri di un numero ristretto di clienti – o in termini di specializzazione del prodotto o servizio, che risultano offerti da poche aziende.

Mercato potenziale

Tutti coloro che, per ragioni demografiche, economiche, culturali, possono essere considerati potenziali acquirenti di un determinato prodotto/gruppo di prodotti.

Mission

I valori e gli obiettivi di un’azienda, il suo core business, i vantaggi competitivi che intende mantenere, consolidare o raggiungere, la sua funzione all’interno della società, nonché le politiche aziendali che intende adottare per conseguire gli obiettivi che essa si è posti.

Newsletter

E-mail informativa (gratuita o a pagamento) che affronta periodicamente determinate tematiche; in generale si tratta di pubblicazioni che riportano notizie sintetiche. È un servizio tipico di un sito/portale. Viene inviata agli utenti/visitatori su richiesta. Può essere sponsorizzata da un cliente inserzionista. È anche uno strumento con cui un’azienda può mantenere costantemente informata sulla propria offerta la clientela.

Packaging

Studio e progettazione grafica della confezione di un prodotto. Il packaging è una forma di comunicazione importante, poiché interviene sull’aspetto fisico della confezione e a volte anche sulle sue modalità di utilizzo, come nel caso di confezioni dotate di particolari meccanismi di apertura e di accesso al prodotto. Favorisce il ricordo e la brand loyalty contribuendo all’immagine della marca.

Pay-off

La chiusura di un annuncio. E’ una frase brevissima, che spesso non ha il verbo e che sta vicino alla marca o al nome del prodotto e che viene mantenuta nel tempo.

Pay-per-click

Modalità di acquisto e pagamento della pubblicità on line: l’inserzionista paga una tariffa unitaria per click-through.

Pay-per-lead

Modalità di vendita della pubblicità on line. L’inserzionista paga un costo unitario per ogni contatto diretto con un visitatore che clicca sul banner e arrivando nella pagina bersaglio rilascia informazioni all’inserzionista (ad esempio riempiendo una form).

Posizionamento

In marketing è la collocazione di un’azienda o di un prodotto nella percezione dei target di riferimento rispetto alle aziende o prodotti concorrenti.

Prospect

Espressione utilizzata come abbreviazione di prospective buyer. Indica un “non ancora cliente”, ovvero chi potrebbe essere potenzialmente interessato al prodotto o al servizio venduto.

Reason why

Argomento di vendita, la ragione per cui un prodotto offre un certo beneficio.

Remarketing

Il “Remarketing” è una funzionalità di alcune campagne advertising (c.d. “display”), che ti consente di raggiungere un pubblico di persone che hanno già in precedenza visitato un sito o una pagina web, durante una navigazione pregressa. In questo caso l’annuncio per il sito già visitato viene mostrato a questi utenti durante le loro ulteriori nuove visite all’interno di altri siti web, ad esempio del network di siti Google. Solitamente avviene sfruttando i cookies del browser.

StoryTelling

E’ un metodo che consiste nel “raccontare storie” ai propri target in modo che traspaiano i valori, la mission, le idee della nostra attività e le persone vi si possano riconoscere in modo semplice ed intuitivo. Con il racconto si arriva a coinvolgere gli utenti e a stimolarne l’identificazione attraverso immagini, video, testi e contenuti multimediali.

Target

Letteralmente significa bersaglio; è il gruppo di consumatori verso il quale l’azienda indirizza la propria azione commerciale. Una corretta determinazione del target esige lo sviluppo di un approccio sistematico. Dall’analisi dei bisogni del mercato si passa alla verifica dell’esistenza di un potenziale economico, alla identificazione dei confini del mercato e quindi alla scelta dei segmenti, o parti di mercato, da prendere in considerazione. L’identificazione del target include informazioni socio-economiche, demografiche e psicografiche.

Up selling

Vendita ad un cliente acquisito di una quantità maggiore dello stesso prodotto.

Valore percepito

Corrisponde al valore che il pubblico attribuisce al promotion benefit per effetto della comunicazione promozionale.

 

Bene, se vuoi iniziare il tuo percorso per diventare un imprenditore, quello che devi fare è un’azione semplice: applicare passo passo il sistema scientifico BAR Theory e aprire un locale che genera Profitto.

Per avere ulteriori info clicca qui –> http://www.bartheory.it/sistema-scientifico-bar-theory/

Leave A Response

* Denotes Required Field